Ghiandola Pineale

L’ipotalamo è una zona del cervello che esercita un controllo su importanti funzioni di sopravvivenza, come l’equilibrio idrico, la temperatura del corpo, l’assunzione del cibo, i cicli sessuali e circadiani, la pressione arteriosa, l’increzione dell’ipofisi e molto altro. Purtroppo l’ipotalamo sollecitato dalle emozioni, è capace di vivere di vita propria e, da collaboratore della Ghiandola Pineale, diviene direttore d’orchestra, con la complicità dell’ipofisi, per mezzo del meccanismo dell’HPA.


Lo stress ha effetti negativi innanzitutto sulla Pineale e, poiché la Pineale può essere considerata l’estremità superiore del Sistema Simpatico, questo porta squilibrio del SNA (sistema nervoso autonomo). L’attività della Pineale, a causa del meccanismo HPA emozionale prevalentemente in azione con progressiva produzione di ormoni surrenali, si riduce sempre più fino a spegnersi e a una certa età si può rilevare ai raggi X che la ghiandola letteralmente si calcifica. In questo modo si vive in una condizione di stress che sembra invece un vivere normale. A quel punto, visto che la neuro-psico modulazione è inibita, l’organismo cerca di proseguire nella sua esistenza per mezzo del livello più basso di regolazione, quello tanto caro agli psichiatri: i neurotrasmettitori.


I neurotrasmettitori sono sostanze liberate anche dalle terminazioni nervose quando il segnale sta per esaurirsi per consentire la continuità del segnale. Per la trasmissione dei segnali nervosi, il sistema si avvale, tra i più importanti neurotrasmettitori, di acetilcolina, dopamina, adrenalina, noradrenalina, serotonina, istamina, endorfine che agiscono sul SNC (sistema nervoso centrale) modificando lo stato elettrico delle cellule cerebrali le quali, a loro volta, modificano l’attività fisiologica degli organi.


Endorfine, enkefaline e dinorfine sono neurotrasmettitori oppioidi e l’endorfina è sempre stata fatta rientrare nella chimica del piacere; in realtà queste sostanze sono semplicemente sostanze analgesiche, morfino-simili. C’è infatti da fare una differenziazione tra il piacere egocentrico e il piacere cristocentrico (divino), intendendo il primo, come quel picco emozionale derivante dal raggiungimento di uno scopo della personalità, quale può essere la riuscita rapina in banca, ma il piacere divino, quello derivante non da uno scopo egocentrico, cioè solo fine a sé stesso, ma cristocentrico, che arreca piacere anche alle situazioni collegate alla persona, è definibile come chimica della gioia e trova come suo modulatore la molecola dell’anandamide, dal termine sanscrito “ananda” usato per intendere beatitudine.


Tale molecola è prodotta solo quando i sistemi oppioide e cannabinoide sono in perfetto equilibrio.


Le endorfine sono rintracciabili, prevalentemente, nell’ipofisi e nell’ipotalamo. L’euforia che si nota negli innamorati (che non risponde necessariamente all’amore divino tra gli esseri) può essere dovuta proprio all’aumento delle endorfine circolanti così come anche tutte quelle attività che la gente, in quanto branco, ricerca al fine di trovare il piacere: gioco d’azzardo, cinema, teatro, fumo, mettono in moto il sistema endorfinergico, comprese le attività religiose, il nuoto o lo jogging, motivo per il quale molta gente si dedica a esse in modo abituale.


Qualsiasi tipo di dipendenza, farmacologica o meno, dà luogo alla produzione di una proteina chiamata delta-FosB; questa è una proteina molto stabile che può rimanere nel cervello per mesi dopo la cessazione dell’esposizione e la sua persistenza risiede nella particolare stabilità molecolare. Questa proteina crea danni nel sistema di trascrizione dell’RNA; errori di trascrizione sono alla base di alterazioni dei tessuti dell’organismo, dello sviluppo di malattie, di cambiamenti comportamentali e della distruzione della chimica del piacere a livello dopaminergico e del glutammato.


Ripeto che qui stiamo parlando di attività in cui la gente trova picchi emozionali perché sa di potersi divertire e quindi non sono manifestazioni che provengono da dentro: si sa già come va a finire, a differenza del rendere conosciuto il nostro Sconosciuto, il nostro Divino sempre nuovo. Una canzone, a tal proposito, recitava: “Sono fuori dal tunnel del divertimento…” visto che si dice allo stesso modo quando si esce dalla droga.


Quando invece tali passioni vengono raggiunte per mezzo di vere spinte interiori, il risultato non sarà analgesico dovuto a produzioni cerebrali oppioidi, ma rigenerante, per produzione di sostanze date dall’equilibrio oppioide-cannabinoide che sfociano, appunto, anche nell’anandamide. La mente è il più astuto dei nostri nemici che, pur di sopravvivere, mette in atto numerosi stratagemmi gratificanti (endorfine) come la ricerca spirituale, l’aspirazione alla virtù o alla santità. Fin quando il nostro piacere sarà in termine di endorfine, la piena attività regolatrice della Pineale ci è preclusa.


GHIANDOLA PINEALE

La Ghiandola Pineale è un corpuscolo grande come una lenticchia, a forma di cono (quindi potrebbe ricordare una minuscola coppa, il Graal), situata alla base del nostro cervello (quindi dentro di noi).


La Ghiandola Pineale, secondo le filosofie orientali, nella sua piena attività produce 972 sostanze ed ormoni; l’interezza di questa produzione corrisponde a quella del liquido dell’immortalità del Graal, ambrosia o amrita, il nettare degli dei, cioè quella sostanza capace di cambiare il codice genetico, provocando un’azione opposta a quella dei malefici peptidi ipotalamici (neuroumori) creati a seguito di stress emozionale.


È noto che chi beve dal Graal ottiene l’eterna giovinezza, la guarigione da tutte le malattie e l’illuminazione; la Ghiandola Pineale è il nostro Graal fisiologico e possiamo “bere” da essa un liquido di questa portata, se la programmiamo in merito.


La sostanza più nota della ghiandola è l’ormone melatonina; questo ormone è un prodotto notturno della ghiandola e la notte, in assenza dello stress del quotidiano, abbiamo il momento massimo della sua attività in quanto cura e ripara i danni della fase di veglia dovuti alle influenze negative che la mente esercita sul nostro corpo.


Scrive Laurence Gardner in “Il Regno dei Signori degli Anelli” (Newton Compton Editore) “… la melatonina esalta e rafforza il complesso del sistema immunitario del corpo, accresce la produzione di energia fisica alzando il livello di sopportazione della fatica, regola la temperatura interna contribuendo a un’ottimale gestione del sistema cardiovascolare ed è per eccellenza la sostanza antiossidante del corpo, con effetti evidenti sui meccanismi antinvecchiamento e sulla mente, sviluppando facoltà paranormali”.


Ecco che bere dal Graal significa attingere dalla natura più profonda del Sé e ciò si manifesta nel corpo come secrezioni contenenti melatonina e tante altre sostanze della Ghiandola Pineale; il risultato, a certi livelli, è l’immortalità” (effetto antinvecchiamento e rafforzamento del sistema immunitario) e “l’illuminazione” (aumento delle facoltà paranormali, dell’intuizione e altro). Il piccolo cono, dunque, come la coppa del Graal, elargisce questo succo miracoloso.


Bere dal Sacro Graal non è quindi un fatto fisico, cioè bere dalla più famosa e introvabile delle reliquie, ma rappresenta l’acquisizione di un elevato stato di coscienza che produce specifici effetti biologici nel corpo, al punto che il corpo beve dalla Ghiandola Pineale finalmente libera di essere.


Una caratteristica da tener presente deriva dall’attenta osservazione di una procedura delle Scuole Iniziatiche: costringere gli Studenti a soggiornare almeno tre giorni in una grotta al buio più assoluto in quanto la Pineale non si attiverebbe subito al massimo delle sue possibilità.


Un discorso speciale va fatto sulla melatonina: nelle prime ore di sonno i livelli di corticosteroidi raggiungono lo zero e la melatonina aumenta, ma quando il livello di stress è eccessivamente alto (dominanza para-simpatica o blocco del simpatico-parasimpatico), i livelli di corticosteroidi rimangono alti o, al meglio, c’è una grossa produzione di noradrenalina che blocca la trasformazione di serotonina in melatonina. In entrambi i casi, non vi è produzione di melatonina e poiché il corpo “guarisce” e riposa di notte, così si spiega la stanchezza del mattino e la mancata guarigione.


La Ghiandola Pineale fu scoperta più di 2300 anni fa dai medici greci Erofilo ed Erasistrato, fondatori della grande Scuola Medica di Alessandria d’Egitto. Dopo di loro, Galeno la considerò una struttura rientrante nelle ghiandole linfatiche e solo alla fine del 600 Cartesio (Descartes) le fornisce una corretta collocazione.


Nella sua opera “Discorso sul metodo”, divide la realtà in “res extensa“ e “res cogitans“. La prima rappresenta la realtà fisica che è estesa, limitata e inconsapevole, la seconda è la realtà psichica cui Cartesio attribuisce le qualità di inestensione, libertà e consapevolezza.


Queste due realtà sono molto eterogenee e fondamentalmente non possono interagire creando così un dualismo: come può cioè l’uomo agire fisicamente (res extensa) secondo libera volontà (res cogitans). Cartesio affronta la cosa in questi termini: qual’è il punto dove nell’uomo possono interagire i due aspetti res cogitans e res extensa?


Fu così che si spinse a considerare l’epifisi come l’organo dove l’anima immortale (res cogitans) si incontra con il corpo mortale (res extensa); si convinse di ciò a seguito della constatazione che dal momento che, dal momento che l’unica parte del cervello a essere singola e unitaria (non divisa e sdoppiata nei due emisferi) era la Ghiandola Pineale o conarium, non poteva essere che lei il punto di interazione. È importante sottolineare che Cartesio non sosteneva che l’anima fosse contenuta nel conarium, ma che questo non fosse altro che il semplice punto di interazione; da questo assunto i medici dell’epoca associarono le calcificazioni della Ghiandola Pineale a gravi turbe psichiatriche e alla follia pura, precedendo di 300 anni l’attuale Scienza.


La Ghiandola Pineale non mai ricevuto grande attenzione dalla medicina occidentale ufficiale che si è per lungo tempo limitata a relegarla nell’ambito di struttura che si atrofizza dopo la pubertà e comunque di incerta e non prevalente funzione, ma certamente endocrina. È stata considerata, fino qualche decennio fa, come un organo pressoché superfluo giunto all’uomo dai rettili in miliardi di anni di evoluzione.


Sappiamo che fin dall’inizio degli anni ‘50 del secolo scorso, alcune sostanze a funzione neuro-endocrina (neurotrasmettitori/ormoni) prodotti dal cervello furono scoperti da scienziati che lavoravano in ricerche segretissime finanziate dai poteri politici, economici e militari. I finanziamenti per la ricerca pubblica in campo Pineale sono sempre stati avversati in quanto si trattava di ”struttura minimale e priva di importanza“. Probabilmente i detrattori pubblici di queste ricerche finanziavano occultamente gli studi in alcune fondazioni e università.


In tali ricerche vennero tracciate le basi della anatomia e della fisiologia della visione a distanza, della telepatia, telecinesi e psicometria, ottime armi per agire a tutto campo senza disturbo e senza lasciar traccia.


Negli anni “60, grazie agli studi “coperti” sullo sciamanesimo, si intuì il funzionamento di alcuni poteri nascosti della mente. Fu scoperto che l’assunzione di alcune piante usate nei rituali degli sciamani, rendeva il cervello non solo in grado di “osservare“ un più ampio spettro della realtà (la grande visione degli sciamani), ma capace di modificare l’ambiente e il corpo fisico e tali effetti e fenomeni erano riproducibili in altri soggetti dopo l’assunzione delle medesime piante.


Questo poteva forse significare che l’allucinazione dello sciamano sotto gli effetti di queste piante fosse reale quanto la realtà dello stato di veglia? Dato che il sogno dello sciamano poteva predire, modificare o annullare effetti materiali, tale allucinazione-sogno poteva in un certo senso significare che:


  1. Alcune sostanze chimiche, derivati indolici (allucinogeni) in particolare, inducono il Sistema Nervoso Centrale a incrementare la propria “coerenza quantistica“ con creazione di un’onda pilota che innesca “l’effetto osservatore“. In altre parole, l’atto di osservazione effettuato durante questo stato è tale che l’ambiente stesso perda le caratteristiche spazio-temporali osservate durante lo stato beta (stato di veglia comune) e possa stabilizzarsi in uno stato energetico consono all’onda pilota dell’osservatore. Tale riassetto energetico “osservatore indotto” detto in fisica quantistica “effetto osservatore” possibile in uno stato di coerenza cerebrale che avviene durante un modalità particolare di coscienza che è lo stato theta (così chiamato per la presenza di onde lente 4-15 cicli\secondo), chimicamente indotto, provoca un riassetto molecolare con cambiamenti ambientali percepibili nello stato di veglia comune (stato beta).
  2. Le percezioni di soggetti distanti tra loro possono interagire, con crollo della definizione di realtà, arrivando a intendere per essa un’allucinazione di massa.

Il mistero della “grande visione” degli sciamani, della intercomunicazione e interazione tra le menti, dell’effetto osservatore è possibile che sia contenuto in alcune sostanze vegetali che vengono captate dai recettori presenti in talune cellule del SNC umano producendo gli effetti descritti. Ma per quale ragione “madre natura“ doveva fornire il SNC umano di recettori per sostanze che stanno in strutture vegetali? La risposta ovvia è che tali sostanze siano, per struttura molecolare, quasi identiche a sostanze immesse da ghiandole neuroendocrine umane, i neuroormoni e i neurotrasmettitori che siano riconosciuti dagli stessi recettori e da essi vengano captati e producano i loro effetti come se fossero sostanze engogene (disponibili a volontà). Si produce cioè per via esogena (mediante somministrazione di neurotrasmettitori) quello che avviene per via endogena e fisiologica durante il sonno profondo e negli stati definiti “mistici spontanei”.


Negli anni “80 alcune ricerche dimostrarono che il cervello dei “mistici” aveva la peculiarità di biosintetizzare tali neurotrasmettitori in modo praticamente continuo (con produzione di fenomeni extrasensoriali e di benessere psicofisico); viceversa nell’uomo comune tale produzione è limitata al periodo di sonno profondo (il sonno R.E.M in cui si registrano all’elettroencefalogramma le onde Theta).


Per gli studi finora condotti la Ghiandola Pineale si configura come una struttura ricetrasmittente tra l’energia del Punto Zero e il corpo che la contiene; sicuramente in futuro si scoprirà che le sostanze prodotte dalla Ghiandola Pineale sono quei farmaci che andranno a sostituire psicofarmaci, chemioterapici, fino ad acconsentire di rientrare in quegli stati di coscienza in cui i mistici incontrano Dio.


Mente e corpo, benché totalmente separati e distinti, interagiscono nell’uomo: la mente può influenzare il corpo e viceversa. Per esistere questa “comunicazione” doveva necessariamente esistere un punto di interazione, in cui mente e corpo potessero esercitare la loro reciproca influenza. Questo punto di interazione doveva trovarsi nel cervello, perché le ricerche fisiologiche del tempo stavano sempre più dimostrando che il cervello era il centro delle funzioni della mente.


Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem Veram Medicinam
-Visita l’interno della terra e rettificando troverai la pietra nascosta che è la vera medicina-


Quando il Conte di Cagliostro fu condannato a morte dall’Inquisizione, tutti gli oggetti e i suoi manoscritti furono dati alle fiamme in Piazza della Minerva a Roma. Alcuni testi si salvarono; uno di questi fu il testo del Rituale della Massoneria Egiziana, di cui Cagliostro, che ne aveva riesumato le sorti, si era proclamato Gran Maestro, più precisamente Gran Cofto.


Questo testo si salvò poiché Cagliostro aveva prodotto copie per i suoi Studenti e le aveva rese valide con il suo sigillo, il serpente trafitto da una freccia nell’atto di mordere una mela, rappresentanti la S (il serpente) e la I (la freccia) le iniziali in francese di Superiore Sconosciuto – Supérieur Inconnu -, uno dei massimi gradi delle società segrete iniziatiche.


La cosa che più interessava del rito egiziano era la procedura della rigenerazione fisica e dell’immortalità psichica. Questo era un metodo segreto insegnato da Cagliostro ai suoi discepoli affinché ogni cinquant’anni potessero ringiovanire nel corpo e nello spirito, annullando i limiti umani.


È una procedura abbastanza “banale” se non fosse per l’impossibilità di identificare la cosiddetta “Materia Prima”, la sostanza basilare di tutta la procedura.


Pur non essendo molto esperto di procedimenti di Alchimia, è comunque una scienza che conosco bene e voglio rendere comprensibile per il grande pubblico il suo valore e le sue meccaniche. Quindi è dal concetto di Materia Prima che voglio partire per avere una base per questo libro.


Il rituale dell’immortalità recita che al 33° giorno (dei 40 necessari) l’adepto assumerà un grano (1 grano = g 0,0648) di Materia Prima e avrà una tremenda convulsione di nervi, traspirazione generale e una evacuazione generale da tutte le parti del corpo.


Il 34° giorno l’adepto assumerà una seconda dose di un grano della stessa Materia Prima a seguito della quale perderà conoscenza, avrà convulsioni più forti delle precedenti e i denti cadranno tutti.


Il 37° giorno prenderà la terza e ultima dose di un grano di Materia Prima; in questo stesso giorno, all’adepto spunterà una nuova pelle e nuovi denti.


Ma è proprio così non identificabile questa “Materia Prima”? In un’altra parte del rituale è detto: “Sappiate che questa Materia Prima esiste sempre nelle mani degli eletti di Dio e che per arrivare ad ottenerla, non è necessario essere grandi, ricchi o potenti, ma bisogna assolutamente essere amati e protetti da Dio. Io posso confermarvi che con un grano di questa Materia preziosa si può fare una proiezione all’infinito”.


L’alchimista, con gli strumenti dell’arte, dice di voler trasformare il piombo in oro. Ma in realtà segue una disciplina iniziatica per trasformare l’uomo profano nell’uomo iniziato e, attraverso la morte mistica, giungere alla ristrutturazione dell’uomo primitivo facendo nascere l’uomo edenico o il cristo risorto.


La condizione del simbolico uomo edenico è quella di un organismo puro, nel quale le energie dei piani superiori possono entrare e riuscire per ritornare a essi in modo libero e fluido, dopo aver compiuto il lavoro per cui si era resa necessaria la sua venuta in questo mondo: l’organizzazione di forme sempre più complesse di vita e la vittoria sulle leggi della fisica, in una parola esperienza materiale.


In questa condizione edenica, il corpo contiene al suo interno la Materia Prima la quale eserciterà la sua attività di far fluire l’energia vitale o universale, cioè la vita stessa.


Published by Marco Brevi

The intuitive Vision is what makes out of us being a Genius. My intuitive vision allow me to draw solutions through a cosmopolitan school and educational design made to excel evolve and renew old paradigms no longer suitable

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: