A cosa serve la scuola

A cosa serve la scuola, quale il su valore, la sua importanza, il bisogno di creare persone in quanto ambasciatrici nel mondo quando la maggior parte delle donazioni alle associazioni che ci sono nel mondo sono dirette per il 40% alle religioni, il 15% all’educazione, salute 11%….

Come le scuole possono fornire ai giovani le competenze e la motivazione necessarie a rendere l’apprendimento un’attività permanente.

Il marketing adoperato verso il compimento della scuola superiore non incontra posizioni di lavoro e molto spesso i risultati non incontrano le spese sostenute


come la scuola puo’ fornire competenze e motivazioni, l’attivare esperienze che crescono l’individuo, accendono conoscenze, una crescita che modella personalità, formano lo studente; motivazioni necessarie che guidano l’attività scolastica unita in periodi ai fini di servizio globale vs creare ignoranti al servizio politico. La fase più importante che vale il risultato nell’unire e ricevere un valore nella partecipazione al divenire; la conferma del dovere nel diritto alla cultura.


La scuola deve mostrare interesse non in micro progetti ma in una sana: “evoluzione scolastica” non riforma o ristrutturazioni! Inutile investire nella ristrutturazione degli edifici quando gli stessi non ce la fanno piu’…re/incollare pezzi di un vaso che si e’ rotto troppe volte, impossibile mettergli altra materia al suo interno, perdeacqua da tutte le parti… eppure, bisogna tenerlo perche’: “la tradizione” che poi e’ la stessa in tutto il mondo….ancora schiavi della chiesa.

tutte le strade portano a Roma, tutte le banche portano al Vaticano.

Il desiderio di Lucignolo e le fantasie di Pinocchio aprono al cambiamento, la favola di Pinocchio costruisce per chi non studia un asino nel peccato del farlo morire sotto il lavoro pesante nella farsa di chi studiando si perde tutta la giovinezza seppur incontrandosi in ogni caso con il lavoro, se fortunato! Qui la favola uccide la creatività del burattino che vuole staccarsi dai propri fili per sviluppare i propri sogni ed aprirsi alla vita. Come il lavoro stesso merita propria armonia nell’essere organizzato ed offerto al fine di ammorbidire le sofferenze che già la vita mette a disposizione nel formulare propria crescita anche lo studio deve offire una qualita’ di vita…


Frequentare giornalmente ed obbligatoriamente lezioni proposte senza interesse in scuole malsane senza libertà di espressione in una ostruzione all’istruzione in una costruzione dell’essere che alita tempo scaduto in libri di testo poveri di contenuto, spenti anche se colorati, e tecnologia vista ancora come una distrazione all’istruzione non può fare altro che incontrare crisi sociali equivalenti al non accettarsi nel non accettare.

“Democraticamente” obbligati a modelli non contemporanei, la scuola persa nel suo ego ha ostruito la costruzione di nuove possibilità, ha mancato il suo dovere nel creare quelle casualità parallele che sincronizzano nel portare soluzioni ottimali al servizio sociale


Idealisti nell’innovazione, Marco Brevi

Published by Marco Brevi

Idealist within the innovation where an abstract concept in intuition create quality style in our life

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: